Categorie
Fiabe dei fratelli Grimm Fiabe per bambini

I tre fratelli

Una fiaba dei fratelli Grimm

Un uomo aveva tre maschi e non possedeva altro che la casetta campestre nella quale abitava Egli pensava che dopo la sua morte, ognuno dei figliuoli avrebbe preso la casa volentieri; ma siccome gli erano tutti e tre cari ugualmente, non sapeva come riuscire a far le parti giuste. Se non l’avesse ereditata dai nonni, l’avrebbe venduta e diviso il denaro in tre parti uguali. Pensa, pensa, gli parve d’aver trovato il bandolo per accomodar capra e cavoli e disse ai figli:

— Io non camperò quanto Matusalemme e bisogna che pensiate al vostro avvenire. Per far le cose d’amore e d’accordo ed esser tutti contenti, dovete andar via di casa per qualche anno e imparare un mestiere, poi tornare insieme, al tempo stabilito e dare ognuno prova della sua bravura. Quello che saprà fare un colpo da maestro avrà la casa paterna in eredità.

I ragazzi furono contenti perchè stava a loro a guadagnarsi la ricompensa. Il patto era giusto e se ne andarono. Il maggiore voleva fare il maniscalco, il secondo il barbiere, il terzo il maestro d’armi. Si dètte il caso che ognuno di essi trovò un bravo maestro, e molto si addestrò nell’arte sua.

Il maniscalco ebbe a ferrare i cavalli del re ed in cuor suo pensò: — Sono professore del mio mestiere: la casa toccherà a me!

Il barbiere fu ricercato dai signori più eleganti ed in petto gli crebbe una speranza: — Sono professore nel mio mestiere, e la casa toccherà a me! – diceva.

Lo schermidore ebbe parecchi colpi, ma ogni volta che gliene piombava uno addosso, stringeva i denti e pensava: — Son professore nel mio mestiere; nulla mi fa paura: la casa toccherà a me!

Quando volse a termine il tempo prefisso, i tre fratelli s’incontrarono e tornarono dal padre a casa loro.

Eccoli adesso lì tutti e tre davanti all’uscio a sedere che aspettano l’occasione di provare il proprio valore.

Ad un tratto, una lepre s’affaccia alla spianata correndo.

— Benone – esclama il barbiere – si direbbe che t’avessi chiamata! – e lesto, presa la scodella e il sapone sbatte la schiuma fin che la bestia è più vicina, poi correndo le insapona il muso e le rade il pelo tanto da lasciarle un paio di baffetti, senza neppure farle una sgraffiatura.

— Bravo, bravo! – gli grida il padre – se i tuoi fratelli non sono più svelti di te, la casa è tua!

Di lì a poco passa un signore in carrozza, tirato da un cavallo robusto che se ne va di galoppo. Il maniscalco lo rincorre, strappa via all’animale galoppante i quattro ferri degli zoccoli e gliene rimette quattro nuovi.

— Anche tu sei un bravo monello! – gridò il padre. – Fra te e il tuo fratello barbiere non saprei a chi dare il vanto.

— Addesso ci sono io a dare un saggio di bravura: – dice il terzo figliuolo e siccome comincia a piovere, che cosa fa? sguaina la daga e fende con quella l’aria sopra alla testa con tanta destrezza da riparare le gocce e rimanere asciutto. Intanto l’acqua rinforza: scroscia giù un vero diluvio: ma lo schermitore agita con tanta rapidità l’arme sul capo che riesce a salvarsi e non aver bagnato neppure un capello.

A questo colpo di maestro, il padre sbarrò gli occhi e battè le mani con fanatismo.

— Figliuolo mio, – gli dice – mi pare che non vi sia dubbio…. la casa è tua.

Gli altri fratelli convennero che il maestro d’armi aveva diritto alla casa, e si volevano tanto bene che risolverono di abitarla insieme esercitandovi ognuno il proprio mestiere. E perchè erano capaci e svelti, lavorarono molto e guadagnarono parecchio danaro.

Vissero contenti insieme, per lunghi anni, e quando uno di essi si ammalò e morì, gli altri due ne provarono molto dolore e pensarono che fosse meglio di ammalarsi anch’essi e andare alle ballodole. E così fecero.

La gente che sapeva quanto si amavano li mise a riposare tutti e tre nella medesima tomba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto da copia.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: