Categorie
Fiabe di Gian Dàuli Fiabe per bambini

La reginotta superba

Fiaba di Gian Dàuli

C’era una volta una Reginotta che era la superbia fatta persona: disprezzava tutti, umiliava tutti e se reucci e re venivano a domandarla in isposa sottoponeva loro degli indovinelli difficilissimi e come quelli non sapevano scioglierli li cacciava via beffeggiandoli. E la sicurezza di essere davvero un portento di intelligenza la fece presumere tanto di sè che bandì un concorso: chiunque coronato; nobile o plebeo avesse risolto l’indovinello da lei proposto, sarebbe senz’altro diventato suo sposo.

Figurarsi la gente che si presentava ogni giorno a Palazzo Reale! Una vera processione: gente di ogni ceto e qualità, e di tutti i paesi; ma nessuno era buono di sciogliere l’enigma della Reginotta.

Non per questo la processione di coloro che volevano tentare finiva, anzi cresceva di giorno in giorno e finì per invogliare anche tre sarti. I primi due erano bei giovanotti arguti e svelti d’ingegno, ma il terzo aveva fama di buono a nulla, tanto che i compagni cercarono dissuaderlo.

— Che vieni a farci? Perchè vuoi sottoporti a una umiliazione sicura?

— E a voi che importa? – rispose il sartorello. – Pensate meglio ai fatti vostri.

Senza più parlare andarono a Palazzo Reale e si presentarono alla Reginotta la quale, appena lo vide, fu presa dalla più pazza ilarità; ma siccome il bando era bando e non poteva esimersi, disse al primo dei tre che si fece avanti.

— Dunque, io ho in capo due qualità di capelli: di che colore sono?

— I vostri capelli, Reginotta sono bianchi e neri – rispose il primo sarto sicuro di sè.

Gli rispose una argentina risata.

— Niente affatto: avanti il secondo!

— I vostri capelli, Reginotta – rispose l’interrogato – sono…. sono… bruni e rossi.

La Reginotta più divertita che mai si rivolse al sartorello che se ne stava tutto compiuto.

— E tu che a solo guardarti sprizzi tanta intelligenza, sai sciogliere l’enigma?

L’interrogato, senza muovere un muscolo del volto, serio serio rispose:

— Reginotta, i vostri capelli sono biondi come l’oro ma ce n’è uno bianco come l’argento, così che i vostri capelli sono biondi come l’oro e bianchi come l’argento.

La Reginotta si sentì morire, impallidì e su le labbra esangui non c’era più il sorriso di scherno: il sartorello aveva indovinato a perfezione. Però, in fondo alla sua anima altera la Reginotta trovò ancora una cattiveria. Disse:

— Va bene, tu hai indovinato, ma prima di ottenere la mia mano devi passare la notte insieme al mio orso giù nella stalla. Se domattina sarai ancora vivo, ti sposerò.

— Sia fatta la tua volontà – rispose il sartorello, e appena calata la notte se ne andò nella stalla a tentare l’ultima prova.

C’era di che impensierire il più coraggioso degli uomini: appena entrato, l’animalaccio gli venne incontro camminando con le zampe di dietro, pronto ad abbracciarlo e stritolarlo. Ma il sartorello era furbo e disse all’orso.

— Calma, calma, hai tanto tempo! – e così dicendo sedette, prese dalle tasche un pugno di noci e si diede a romperle con i denti.

A quella vista, l’orso, che era un golosaccio di prima forza, lo pregò che gliene desse qualcuna anche a lui.

— Altro che! eccotene un pugno – ma il furbo uomo invece di dargli delle vere noci gli diedi delle pietre.

Mordi e mordi l’orso non riusciva a schiacciarne una, mentre l’altro seguitava a mangiare, e il tempo passava.

Allora il sartorello tirò fuori dalla bisaccia un violino e si diede a suonare, e l’orso, vinto dalla dolcezza della musica, cominciò, felice, a saltellare finchè fu stanco, poi gli disse:

— È bello questo strumento: me lo insegni a suonare?

— Volentieri, perchè no? – gli rispose l’altro che aspettava proprio quella domanda. – Però con i tuoi unghiacci non è possibile: occorre tagliarli.

— Va bene, tagliameli.

Il sartorello non se lo fece ripetere due volte, prese una morsa che si trovava lì e senz’altro imprigionò le zampe della bestiaccia in una stretta feroce; poi, incurante delle proteste dell’orso che strillava dal dolore, si preparò un soffice letto con della paglia e vi si buttò a dormire sopra, saporitissimamente.

Ma lo stupore maggiore fu quello della Reginotta quando il domani mattina, seguita da tutta la corte, scesa nella stalla a constatare i risultati del suo crudele capriccio, vide l’orso imprigionato e il sartorello venirle incontro con il più bel sorriso e i più galanti inchini. Aveva vinto anche questa prova e non c’era altro da fare che correre alla Chiesa e celebrare le nozze.

Infatti così fecero e la Reginotta non ebbe a pentirsene, chè se il marito, datole dalla sorte, non era bellissimo, in compenso era intelligentissimo, furbissimo e coraggiosissimo: sicchè fu felice di averlo sposato e vissero, insieme, lunghi anni amati e onorati da tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto da copia.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: